Licenze Tailandia Quattro piattaforme di scambio di criptovaluta

Il Giappone e la Thailandia sono rapidamente diventati la patria degli scambi di criptovalute come è evidente dai numerosi incentivi governativi destinati a offrire il miglior ambiente di lavoro ai criptatori. L'aumento del numero di utenti di criptovaluta è uno dei fattori che incoraggiano le piattaforme di scambio a creare un campo nel paese.

Quattro borse di criptovaluta concesse in licenza in Tailandia

Il governo della Thailandia vuole assicurarsi che anche i suoi cittadini traggano vantaggio dal crescente e redditizio settore della criptovaluta. I rapporti indicano che quattro borse di criptovaluta sono state finalmente autorizzate ad operare nel paese.

Le quattro piattaforme di scambio di criptovaluta sono:

  • Monete
  • Satang Pro
  • Bitkub
  • Bx

La licenza aiuterà significativamente le piattaforme ad aumentare le loro operazioni nel paese. Anche i commercianti di cripto, così come gli investitori istituzionali non solo dalla Tailandia ma anche dal Giappone e da altri paesi, investiranno in essi per accrescere la loro crescita.

licenza della Tailandia quattro scambi di criptovaluta

È stato anche riportato che Coin Asset, un'altra borsa di criptovaluta che sta guardando questo mercato, ha anche richiesto una licenza. e l'azienda è ottimista sul fatto che saranno approvati.

Tuttavia, non tutte le piattaforme che si applicano per una licenza sono approvate. Due altri scambi di criptovaluta, Cash2Coins e Southeast Asia Digital Exchange non sono riusciti a soddisfare i requisiti stabiliti e il regolatore ha rifiutato la loro applicazione. Sono stati indirizzati a prendere servizi di offerta nel paese entro la fine di questo mese.

Le due borse sono inoltre obbligate a notificare a tutti i loro clienti l'arresto per proteggerli da eventuali perdite. La notifica darà inoltre loro il tempo sufficiente per trasferire tutte le loro risorse digitali dalla piattaforma ad altre borse autorizzate.

Una delle principali agenzie di stampa del paese, Bangkok Post ha recentemente riferito che le due applicazioni di piattaforme di scambio di criptovaluta sono state respinte perché non fornivano informazioni adeguate sulla loro infrastruttura IT e sui processi KYC.

La Thailandia si posiziona per attirare più progetti Blockchain

L'intera regione dell'Asia-Pacifico è diventata un hub ideale per la tecnologia blockchain e le attività di crittografia. La concessione in licenza delle due borse è la prova che il paese si sta attrezzando per attirare più progetti blockchain.

La concessione di licenze è anche un segno che il governo sta andando verso la piena legittimazione del settore, ma è anche desideroso di garantire che tutte le imprese criptate operanti nel paese rispettino gli standard e le normative stabilite.

Il fondatore di uno degli scambi di criptovaluta che è stato concesso in licenza, Bitkub, Jirayut Srupsrisopa, ha detto TechCrunch in una recente intervista la società non ha obiezioni a collaborare con istituzioni finanziarie, fornitori di e-wallet e altre società che offrono prodotti finanziari per promuovere la crescita del settore.

Infine, Cina non è ricettivo alle criptovalute e ha messo in atto misure rigorose che rendono quasi impossibile per le aziende criptografiche fare affari lì. Di conseguenza, la maggior parte delle aziende si sta trasferendo in Thailandia a causa delle norme indulgenti, ma comunque essenziali, che hanno lo scopo di salvaguardare l'industria. Prendi di più notizie informative sulla criptovaluta qui.

Precedente «
Successivo »